20 Settembre 2017

In cammino verso la luce, pellegrini USA in Terra Santa

Vengono dagli stati americani colpiti dagli uragani, sono 40 pellegrini, di cui alcuni Cavalieri e Dame del Santo Sepolcro, venuti in Terra Santa per riscoprire la propria fede.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/in-cammino-verso-la-luce-pellegrini-usa-in-terra-santa-13556"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.org/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/in-cammino-verso-la-luce-pellegrini-usa-in-terra-santa-13556.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Un cammino dalle tenebre verso la luce. Questa la metafora che ha accompagnato il viaggio di 40 pellegrini americani, giunti dagli Stati Uniti fino in Terra Santa.

Guidati da Mons. James Tamayo, il primo vescovo della diocesi di Laredo, città al confine con il Messico, i partecipanti, di diverse città, stati ed età, hanno toccato con mano i luoghi della Bibbia.

S.E. JAMES ANTHONY TAMAYO
Vescovo di Laredo - Texas
"Abbiamo appena percorso la Via Dolorosa, la via crucis, siamo stati di fronte alla chiesa del Santo Sepolcro. È speciale per tutti noi, per tutti quelli che credono, perché sappiamo che Dio è presente nelle nostre vite".

A Gerusalemme il gruppo ha partecipato alla celebrazione della Santa Messa insieme ai francescani, nella Basilica del Santo Sepolcro, di fronte alla tomba vuota del Cristo. Un’esperienza carica di un significato particolare. Alcuni dei pellegrini provengono dagli stati colpiti dai recenti uragani e sono partiti con la devastazione negli occhi e un peso sul cuore.

ARNOLD B. AREVALO
Houston - Texas
“È la cosa più triste che abbia mai visto in vita mia. Ho combattuto in Vietnam, ma vedere queste persone innocenti soffrire non è stato come un programma televisivo, in cui potevi semplicemente cambiare canale, era tutto vero.
Per venire a prendere il volo ho avuto difficoltà, perché ogni strada che portava all’aeroporto era allagata. Anziché 45 minuti ci sono volute 2 ore e mezzo! Ma penso che non poteva esserci momento migliore per venire qui in pellegrinaggio”.

S.E. JAMES ANTHONY TAMAYO
Vescovo di Laredo - Texas
“Sono voluti venire e pregare per i loro fratelli e sorelle che hanno perso la casa, le loro proprietà, ma non la loro vita. E noi siamo grati a Dio per questa misericordia e bontà. Perché sappiamo, proprio come abbiamo percorso questa strada di calvario, che la sofferenza esiste, nella Sua vita e nella nostra. Ma Lui ci aiuta a superarla”.

Alcuni dei pellegrini sono Cavalieri e Dame del Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e, in occasione del viaggio in Terra Santa, hanno ricevuto un dono particolare, come aiuto a non dimenticare: la conchiglia del pellegrino.

S.E. Mons. KAMAL BATTISH
Patriarcato Latino di Gerusalemme
“La conchiglia è consegnata solo ai Cavalieri o Dame che sono venuti a visitare la Terra Santa. Essa dice esattamente ciò che tu sei: sei il guardiano di Gesù, sei unito a Gesù, al Signore e sei legato alla Sua casa qui in Terra Santa.”

REBECCA SEPULVEDA
Dama del Santo Sepolcro – Laredo, Texas
“Siamo onorati di essere membri dei Cavalieri e delle Dame del Santo Sepolcro. È la mia seconda visita in Terra Santa, la prima per mio marito. Ma è sempre un viaggio pieno di grazia, poter venire qui, vedere i luoghi dove visse il nostro Signore e poter condividere la storia della Terra Santa con i nostri tre figli, la nostra famiglia a casa”.

“Ciò che è stato piantato nel vostro cuore qui, possa fiorire a casa”. Ha detto al gruppo Mons. Tamayo durante l’omelia di fronte all’Edicola del Santo Sepolcro. Un augurio che profuma già di speranza.