16 Luglio 2018

Ricordare il dono di Dio

Il 15 luglio del 1149 venne consacrata la Basilica crociata del Santo Sepolcro. Una data importante per fare memoria del dono di Dio

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/ricordare-il-dono-di-dio-15351"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.org/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/ricordare-il-dono-di-dio-15351.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
La Basilica del santo sepolcro è da sempre il cuore della cristianità. E, data importante per questo luogo santo è il 15 luglio: anniversario della consacrazione della Basilica crociata che nella sua struttura architettonica è quella che ammiriamo ancora oggi.


Il primo edificio composto da Anastasis, Golgota e la grande basilica a 5 navate - noto con il nome di Basilica del Martirio, in riferimento alla testimonianza resa da Cristo con il sangue - fu realizzato da Costantino e venne consacrato nel 335.

Distruzioni terremoti e incendi si susseguirono nei secoli successivi fino all’ arrivo dei crociati che, conquistata Gerusalemme nel 1099, intrapresero l’ opera di ricostruzione delle chiese di Terra santa, cominciando proprio dal Santo Sepolcro

La consacrazione della nuova basilica avvenne il 15 luglio del 1149, nel cinquantesimo anniversario della conquista di Gerusalemme.

Fr. GIUSEPPE GAFFURINI, ofm
Cantore Basilica Santo Sepolcro

Fare la memoria della dedicazione della chiesa è prima di tutto ricordare il dono di Dio: Dio ci conserva questo luogo, preziosissimo e unico, che custodisce le 2 memorie principali della vita di Gesù: passione, morte e resurrezione. Uno dei misteri principali della nostra fede.

Una Dedicazione che celebra non solo il dono di Dio ma anche l’impegno dei frati francescani nel custodire – fin dal 1342 - questo luogo.

Fr. GIUSEPPE GAFFURINI, ofm
Cantore Basilica Santo Sepolcro
Quest’ anno poi la festa della dedicazione, la festa della consacrazione di questo luogo si arricchisce di un altro spazio. Finalmente è quasi terminato quello che viene chiamato il carcere di Cristo. Tra pochi giorni potremmo gustare di un altro spazio che gli archeologi ritengono il più antico di tutto il complesso, quello che ci da il livello dei pavimenti dell’epoca costantiniana.