12 Dicembre 2017

Babbo Natale prende casa a Gerusalemme

A dicembre 2017 ha aperto la prima Casa di Santa Claus della Terra Santa. Cioccolatini, giocattoli, un presepe e canzoni di Natale per donare un sorriso ai bambini della città.

Cristiani di Terra Santa e vita della Chiesa

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/babbo-natale-prende-casa-a-gerusalemme-13961"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.org/it/video/cristiani-di-terra-santa-e-vita-della-chiesa-2/babbo-natale-prende-casa-a-gerusalemme-13961.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme, dall’inizio di dicembre, pulsa un nuovo piccolo regno incantato. Al motto di “Ho Ho Holy Land”, proprio qui, ha preso dimora Babbo Natale.

ISSA KASSISSIEH
Babbo Natale
“Dieci anni fa ho indossato per la prima volta il vestito rosso, mentre andavo a Jaffa Gate a distribuire alberi di Natale. Lì ho visto che, mentre ero Babbo Natale, tutti erano più felici e mi sono detto «Wow, questa cosa rende la gente contenta». E amo rendere le persone e i bambini di Gerusalemme felici!”

I Natali passano finché l’anno scorso Issa prende un volo per Denver, Stati Uniti, dove segue un corso, seguito da aspiranti Santa Claus provenienti da tutto il mondo. Al termine ottiene un diploma ufficiale nonché la spinta a iniziare qualcosa di nuovo nella Terra che custodisce per eccellenza l’inizio del Natale.

ISSA KASSISSIEH
Babbo Natale
“È allora che ho deciso di aprire la casa di Babbo Natale a Gerusalemme, dopo dieci anni. Penso sia un’esperienza bella per le altre persone e anche nuova. Non abbiamo mai avuto prima qui qualcosa del genere: è la prima volta per una casa di Babbo Natale in Terra Santa e proprio nella città vecchia di Gerusalemme.”

La Casa accoglie ogni mattina bambini e ragazzini delle scuole del circondario e ogni pomeriggio famiglie e curiosi, attirati dalle decorazioni e dalla musica.
All’interno ci sono una sezione dedicata ai biscotti natalizi, un laboratorio di giocattoli, un presepe (per non dimenticare l’autentico significato del Natale) e persino una postazione dove ricevere l’attestato di aver fatto i bravi, durante l’anno.

Serenità non è la parola dominante nel 2017 in Terra Santa. La casa di Babbo Natale rappresenta così una piccola goccia, che contribuisce a donare un sorriso ai bambini del paese.

ISSA KASSISSIEH
Babbo Natale
“Questo è il mio scopo, il mio vero scopo: portare un po’ di serenità ai bambini e alle famiglie della Terra Santa. Ricevo 25-30 messaggi ogni giorno che mi raccontano cosa provano i ragazzini, come reagiscono… “Le loro facce mostrano lo spirito del Natale! Grazie grazie per quel che fai per noi” [mi scrivono]. E per me è davvero un onore. Mi rende felice vedere il sorriso di ogni bambino di Terra Santa”.