24 Aprile 2018

La casa di riposo Notre Dame des Douleurs, accoglienza oltre il muro

Il centro, fondato dalla congregazione femminile francese nel 1957, accoglie e accudisce 50 anziani di Gerusalemme e Cisgiordania.

Cristiani di Terra Santa e vita della Chiesa

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/la-casa-di-riposo-notre-dame-des-douleurs-accoglienza-oltre-il-muro-14805"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.org/it/video/cristiani-di-terra-santa-e-vita-della-chiesa-2/la-casa-di-riposo-notre-dame-des-douleurs-accoglienza-oltre-il-muro-14805.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Alla periferia del Monte degli Ulivi, a Gerusalemme, sorge la casa di riposo Notre Dame Des douleurs, da 60 anni punto di accoglienza per gli anziani. Il centro è stato fondato dalla congregazione francese delle Figlie di Nostra Signora dei Dolori, in linea con il carisma dell’ordine di servire e accudire le persone di una certa età.

Don JEAN-FRANÇOIS CLAUS
Direttore Casa Notre Dame des Douleurs
"La nostra missione consiste nell’accogliere tutti gli anziani, anche se sono indigenti. Vogliamo prenderci cura di loro”.

Suor MARY EDWARD
Superiora Comunità Nostra Signora dei dolori
“Sono qui da quattro anni per aiutare e servire gli anziani e prendermi cura di tutti i loro bisogni. Tengo molto a loro e quando li guardo è Gesù che è lì di fronte a me.”

La casa ospita cinquanta anziani, sia musulmani che cristiani, provenienti da Gerusalemme e dalla Cisgiordania. Tutti loro sono seguiti da uno staff medico specializzato e da vari assistenti. Oltre alle suore ci sono anche dei volontari stranieri che danno una mano e fanno esperienza.

PHILIPPINE
Volontaria - Francia
"Sono arrivata due mesi fa e resterò qui per un anno. Lavoro qui come assistente amministrativa, ma aiuto anche ad esempio nel dar da mangiare agli anziani. Lavorare con loro è meraviglioso, è una nuova scoperta per me. Imparo molto e gli anziani hanno mille storie da raccontare!”

LURA
Ospite Notre Dame des Douleurs
“Sono felice qui! A casa non avevo più nessuno e mi chiedevo Dove posso andare ora che sono da sola? Ecco perché sono venuta qui.”

VIRGINIE
Ospite Notre Dame des Douleurs
“Non ho nessuno… Mia figlia vive a Dubai, mio figlio fa il dentista in Grecia, mio nipote vive qui, ma è malato. A volte alcuni parenti vengono a trovarmi e mi portano fuori… e poi le suore con noi sono carinissime.”

Dal 2004 la vita quotidiana della casa di riposo e delle persone con essa coinvolte è stata sconvolta dalla costruzione della cosiddetta barriera difensiva, muro di 9 metri di altezza, che separa i territori israeliani da quelli palestinesi e che sorge intorno al centro.

Don JEAN-FRANÇOIS CLAUS
Direttore Casa Notre Dame des Douleurs
"L'esistenza del muro non è affatto facile per noi, perché la maggior parte dei nostri dipendenti vive dall'altro lato, dunque devono chiedere un permesso per entrare qui. Al mattino impiegano molto tempo per arrivare. Se prima ci mettevano in 5 minuti, ora due ore, il che è molto difficoltoso. "

Il muro non ha impedito alle suore e ai volontari di continuare ad offrire il loro servizio e portare avanti la propria missione. Ogni 15 settembre festeggiano l’anniversario della fondazione e tornano a esprimere l’intenzione di accogliere con amore e gratuità gli anziani del territorio, altrimenti abbandonati.